Le voci degli studenti prendono vita grazie alla tecnologia

826 Valencia e Google si uniscono per amplificare l'immaginazione

Il centro 826 Valencia situato nel quartiere di Tenderloin a San Francisco non passa certo inosservato. Nel quartiere non ci sono molti negozi in cui è possibile acquistare un messaggio in una bottiglia, trovare una penna con inchiostro di calamaro gigante o salire su una casa sull'albero a due piani. L'angolo tra la Golden Gate Avenue e Leavenworth è dove gli studenti provenienti da tutta la città si incontrano dopo la scuola e, con l'aiuto dei volontari, raccontano le loro storie.

"L'obiettivo di 826 Valencia è quello di trasformare il rapporto che i giovani hanno con la scrittura", afferma Lauren Hall, direttrice delle sovvenzioni e delle valutazioni per la non profit dedicata alla scrittura. Puntando sulla creatività, l'organizzazione aiuta "i giovani a vedere nella scrittura uno strumento e un luogo dove sentirsi a proprio agio". L'ambiente bizzarro e stravagante del centro non è scelto a caso: è importante per avvicinare meglio i ragazzi al mondo dell'alfabetizzazione. Lo scopo non è solo quello di insegnare a rapportarsi con la scrittura, ma anche di rendere il tutto entusiasmante, quindi è fondamentale che l'ambiente stimoli la loro immaginazione dal momento in cui entrano nel centro.

Insegna dell'attività
Acquista Gita scolastica
Classroom Lavagna

Il centro di Tenderloin, con la sua atmosfera unica basata sulle vicende di un pesce giramondo chiamato King Carl, è ispirato all'originale nel quartiere Mission di San Francisco. La nascita di un nuovo centro è stata possibile grazie a una sovvenzione di $ 500.000 da parte di Impact Challenge di Google.org. È stato coinvolto anche un team di dipendenti di Google che, su base volontaria e assieme allo staff, ha cercato di utilizzare la tecnologia per dare vita alle idee degli studenti.

Fai clic, trascina, scorri o ingrandisci per vivere in prima persona la storia degli studenti.

Ogni settimana gli allievi di seconda e terza elementare delle scuole locali si sono riuniti al centro di Tenderloin e hanno scritto una storia tutti insieme, ciascuno contribuendo con poche righe, su un pianeta governato dall'amore. Contemporaneamente, un artista locale ha illustrato il mondo che stavano descrivendo utilizzando Tilt Brush. La tecnologia ha trasformato davvero le loro storie in nuovi mondi.

Alla festa per la pubblicazione del libro, i giovani autori e i loro genitori hanno vissuto in prima persona la loro storia. Utilizzando Google Cardboard, un semplice strumento per la realtà virtuale che richiede solo uno smartphone, hanno avuto modo di sentire cosa si prova a visitare un nuovo pianeta in una realtà virtuale a 360 gradi. Invece di leggere il mondo che avevano creato, ne erano completamente immersi.

Sul pianeta governato dall'amore, le case sono fatte di marshmallow, si va a scuola anche da grandi e le persone possono sempre essere sé stesse. Ci sono ovunque camion volanti che vendono taco. Sulla Terra, gli studenti erano entusiasti di vedere la loro immaginazione prendere vita ("Quello l'ho scritto io!"), ridevano delle loro storie e talvolta allungavano le braccia quasi a cercare di toccare l'immagine davanti a loro, come se fosse reale quanto la casa sull'albero di quasi cinque metri nel palazzo all'angolo di Golden Gate Avenue.

Torna all'inizio